USB lancia il camper dei diritti a Saluzzo, contro lo sfruttamento dei braccianti in Piemonte

Saluzzo -

I lavoratori agricoli impegnati nella raccolta della frutta nelle campagne del Cuneese, in particolare a Saluzzo e dintorni, continuano a vivere in condizioni di marginalità e miseria sociale e lavorativa. La frutta (pesche, mele, kiwi ecc..) che raccolgono finisce sul mercato nazionale e internazionale generando milioni di fatturato, mentre a braccianti e contadini restano fame e paghe misere.

 

Ancora oggi, come succede da molti anni, centinaia di persone sono costrette a vivere in condizioni degradanti al Foro Boario di Saluzzo, dormendo all’aperto, senza un tetto sulla testa e senza acqua, né bagni, né elettricità.

 

Per restituire diritti e dignità ai lavoratori della terra e non solo, l’Unione Sindacale di Base ha deciso di lanciare il camper dei diritti, perché a uguale lavoro corrisponda uguale salario, per i diritti sindacali e civili, per condizioni abitative dignitose.

 

L'iniziativa sarà presentata oggi lunedì 17 giugno alle ore 18.00 al Foro Boario di Saluzzo con la partecipazione di lavoratori, comitati ed associazioni locali.

 

Coordinamento lavoratori agricoli USB Piemonte

 

USB Lavoro agricolo

Questo sito usa i cookie

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti per migliorare la tua navigazione, per analisi statistiche sull’utilizzo del sito in forma anonima e per usufruire dei servizi di terzi quali la visualizzazione di video e la condivisione dei contenuti sulle principali piattaforme social. Se vuoi saperne di più clicca sul link “Ulteriori informazioni”. Cliccando su "Abilita Cookie", presti il consenso all'uso dei cookie. I cookie tecnici saranno comunque utilizzati