Borgo Mezzanone, il fatturato di morte nelle campagne cresce e Salvini esulta

Roma -

L段ncendio di questa notte a Borgo Mezzanone, costato la vita a un giovane gambiano, soltanto l置ltima tragedia di una serie che con questo governo diventa sempre pi lunga.

Un fatturato di morte che il ministro dell棚nterno Matteo Salvini rivendica con orgoglio: 的 grandi insediamenti di stranieri, legali e abusivi, che abbiamo ereditato dalla sinistra erano e sono un problema. Abbiamo il dovere di riportaresicurezza, ordine e legalit燿continuando con i controlli, glisgomberie i progressivi svuotamenti.

Non si fa pi nemmeno la fatica di edulcorare le parole: anche gli insediamenti legali sono un problema e vanno smantellati. I migranti? Che si arrangino o che crepino, scelgano loro, non affare del Viminale.

Il punto, in questa situazione di razzismo conclamato, di rigurgiti fascisti, di attentato continuo alla Costituzione nata dalla Resistenza, che non sembra ci si voglia fermare. Dopo i braccianti, dopo i migranti, nuovi 田ontrolli e nuovi 都gomberi da mettere in atto, riguardino essi gli abitanti delle periferie o i lavoratori in lotta per il posto di lavoro.

Occorre arginare, subito, questa deriva autoritaria. USB in prima fila per rivendicare i diritti e la dignit degli ultimi indipendentemente dal colore della pelle.

USB esprime ai familiari del giovane gambiano morto a Borgo Mezzanone le pi sentite condoglianze e auspica che sia fatta piena luce sulle circostanze del decesso.

Unione Sindacale di Base