San Severo, dopo la festa è l’ora di riprendere le lotte per i diritti dei braccianti

Foggia -

La festa della solidarietà e della fratellanza organizzata dal Coordinamento Lavoratori agricoli USB è stata un momento di socialità e di umanità nell'ex ghetto di Rignano nel comune di San Severo. La festa è stata un'occasione per godere della cucina e della musica africane e ha visto la partecipazione di delegazioni da vari luoghi del Foggiano e della Basilicata, un momento di unione per le migliaia di persone che vivono in condizioni disumane.

Adesso è ora di intraprendere il percorso per ottenere soluzioni abitative e il rispetto delle norme contrattuali, rilanciando la lotta per i diritti sindacali e sociali dei braccianti in una filiera prigioniera delle imposizioni della Grande Distribuzione Organizzata (GDO)
In particolar modo vanno ripresi i punti di emersi nella riunione del 31 luglio con la Regione Puglia: diritto all'abitare e individuazione di soluzioni che diano dignità ai braccianti.
La Confederazione Provinciale USB Foggia e il Coordinamento Lavoratori agricoli USB Foggia ringraziano tutte le persone che hanno partecipato alla festa e rivolgono un appello all'amministrazione comunale di San Severo affinché mantenga li impegni presi sull'iscrizione delle persone nel registro anagrafico dei residenti.

Coordinamento Lavoratori Agricoli USB Foggia

Confederazione Provinciale USB Foggia